BemAA Wordmark
IT   EN   FR   DE

A partire dalla sua fondazione nel 2007, BEMaa progetta attraverso il metodo dell'edificio virtuale.

Il Building Information Modelling è quindi entrato a far parte della nostra metodologia di lavoro fin dalle sue prime manifestazioni, senza forzature o accelerazioni, portando a un processo di progettazione sempre aggiornato, solido e fondato sull'esperienza. BEMaa offre oggi, a un mercato forse finalmente pronto a ricevere questa tecnologia, un'esperienza unica nel campo del Building Information Modelling.


Il Building Information Modelling è un metodo per l'ottimizzazione della pianificazione, progettazione, realizzazione e gestione di costruzioni tramite l'utilizzo di software specifici coordinati tra di loro. Con il BIM, tutti i dati rilevanti di una costruzione possono essere raccolti, combinati e collegati digitalmente. La costruzione virtuale risultante è visualizzabile come un modello geometrico tridimensionale.

Ci piace quindi descrivere il BIM come un edificio virtuale. BEMaa, grazie ai software Graphisoft, costruisce edifici virtuali da oltre dieci anni. A volte, ma non sempre, costruisce anche edifici reali.
I modelli architettonici di BEMaa vengono sviluppati fin dai primi stadi della progettazione e vengono aggiornati e approfonditi (nei relativi Level Of Detail) attraverso tutto il percorso di progettazione.

Attraverso i propri accurati modelli virtuali, BEMaa si può occupare anche di ospitare e coordinare i modelli specialistici (strutture, impianti, infrastrutture) e di approntare i modelli completi per il controllo e la validazione dei progetti, per l'analisi ambientale e termica, per la valutazione dei costi e delle varianti, per la costruzione e per il facility management degli edifici realizzati.

L'IFC, Industry Foundation Classes, è un particolare formato di dati che ha lo scopo di consentire l'interscambio di un modello informativo senza perdita o distorsione di dati o informazioni. Si tratta di un formato file aperto, neutrale, non controllato da singoli produttori software, nato per facilitare l'interoperabilità tra i vari operatori. L'IFC è stato progettato per elaborare tutte le informazioni dell'edificio, attraverso l'intero suo ciclo di vita, dall'analisi di fattibilità fino alla sua realizzazione e manutenzione, passando per le varie fasi di progettazione e pianificazione. I modelli BIM di BEMaa sono concepiti, fin dalla loro nascita, per poter essere esportati in formato IFC senza defficoltà e senza perdita di informazioni.

OPEN BIM fa riferimento ad un approccio universale alla collaborazione nella progettazione, la realizzazione e la gestione degli edifici secondo standard e procedure aperti. OPEN BIM è un'iniziativa di molti produttori di software basato sul formato aperto buildingSMART Data Model. Aderendo alle procedure OPEN BIM BEMaa garantisce flussi di lavoro a collaborazione aperta per ottenere dei progetti meglio coordinati.

Attraverso il formato IFC, è possibile sottoporre i modelli a complessi processi di verifica orientati alla Quality Assurance. Attraverso appositi software BEMaa può infatti analizzare in modo automatico la qualità dei modelli BIM (clash detection) e la loro rispondenza a specifiche normative, compresa la nuova normativa UNI 11337: 2017 sul BIM.




 

Facebook LinkedIn Pinterest Behance Divisare Archilovers

Bruno Egger Mazzoleni
architetti associati
P.IVA 05657970967
© BEMaa 2012
Privacy Policy